Università del Salento, Lecce

Risorse progetti degli studenti ancora bloccate: colpa dell’Amministrazione e di Link Lecce che guida il Consiglio degli Studenti

Si allungano i tempi per far partire i progetti degli studenti. Studenti Indipendenti – Udu Lecce fa emergere alcuni aspetti opachi nel procedimento. Studenti Indipendenti – Udu Lecce: “Link Lecce e Focus Studenti non ci hanno neanche dato modo di analizzare il lavoro svolto dalla Giunta sulla graduatoria.”

Dati gli avvenimenti recenti, come unica associazione di minoranza all’interno del Consiglio degli Studenti, non ci possiamo esimere dall’essere molto perplessi su quanto accaduto nel Consiglio di Amministrazione di giovedì scorso riguardante il rinvio del punto sugli “Interventi per il miglioramento dei servizi didattici e di formazione dell’Ateneo, anni 2016 e 2017”. Le risorse degli studenti continuano ad essere bloccate, e chi ne paga le conseguenze sono solo gli studenti: le responsabilità sono sia dell’attuale amministrazione sia dell’associazione Link Lecce che guida il Consiglio degli Studenti.

L’Amministrazione dell’Università e il magnifico rettore Prof. Vincenzo Zara hanno procrastinato ulteriormente i tempi per l’approvazione della graduatoria dei progetti degli studenti non portandola in deliberazione nella seduta del CdA dello scorso 7 giugno, lasciando passare oltre un mese, e non istruendo il procedimento adeguatamente, come dimostrano i fatti del Consiglio di Amministrazione di giovedì 4 luglio.

Tempi già ulteriormente allungati dalla proroga che l’attuale Giunta del Consiglio degli studenti (composta da Link e Focus) si è riservata di chiedere per la fase di valutazione, in un atteggiamento che ha dimostrato l’inadeguatezza nella guida del Consiglio degli Studenti da parte della presidente Irene Santoro di Link Lecce.

Il procedimento con il quale è stata redatta e presentata da parte della Giunta la graduatoria presenta diverse mancanze. Lo abbiamo già sottolineato – per quanto ci è stato possibile – nella seduta del consiglio degli studenti del 27 maggio scorso: Link e Focus non hanno dato all’unica minoranza presente in Consiglio degli Studenti, rappresentata da Studenti Indipendenti – Udu Lecce, la possibilità di effettuare un’azione di vigilanza su quanto era riportato nel verbale della Giunta, il quale oltre ad essere carente di documentazione, risulterebbe viziato nella forma rispetto alla deliberazione dello stesso organo sulla proposta portata in Consiglio degli Studenti. Ricordiamo che la documentazione ( un verbale di oltre 120 pagine) ci è stato recapitato a meno di 24h dalla seduta, limitando di fatto la possibilità di avere una partecipazione consapevole rispetto alla deliberazione in corso, per questo chiedemmo di rinviare il punto. Un atteggiamento arrogante che denota una certa carenza nelle garanzie di partecipazione ad uno dei provvedimenti più importanti che il Consiglio degli Studenti prende. I fondi degli studenti, ricordiamo, sono di tutti gli studenti, e tutte le procedure pubbliche a garanzia di un corretto utilizzo degli stessi devono essere connotate da una certa trasparenza.

Non comprendiamo, perciò, la paura che Link sta dimostrando con il sollevamento di questo enorme polverone propagandistico e assai strumentale solo per il fatto che si chiedono supplementi istruttori in merito alla redazione della graduatoria, che se redatta rispettando le procedure e i regolamenti non dovrebbe suscitare nessun inutile allarmismo. Qualsiasi procedura a garanzia del corretto utilizzo dei fondi degli studenti dovrebbe essere vista non come un atto eversivo ma come fonte di ulteriore garanzia a supporto dell’interesse di tutti gli studenti.

Link Lecce si erge oggi a difesa degli interessi degli studenti, ma di fatto strumentalizza l’accaduto per logiche strettamente connesse alle dinamiche elettorali di questi giorni. È ben nota la storia di Link Lecce, è risaputa la sua collocazione negli schieramenti accademici; è sotto gli occhi di tutti la disinvoltura con la quale l’associazione si è prestata negli anni ad un gioco di maggioranze a geometria variabile. Ad oggi Link Lecce continua a condurre un doppio gioco nel supporto ai candidati Rettore, dimostrando un’incapacità di esprimere una posizione univoca e compatta.

Ciò che è certo è che questo modo d’agire non giova a nessuno. Né agli interessi degli studenti, né all’intera comunità accademica che meriterebbe un confronto più serio e dinamiche più trasparenti.

Post Correlati