Università del Salento, Lecce

Emergenza abitativa: vogliamo risposte concrete!

Sono ben 365 gli idonei non beneficiari di posto alloggio secondo le graduatorie A.Di.S.U Lecce, un numero destinato ad aumentare nella graduatoria definitiva, per i vari ricorsi. Dati alla mano, ci sentiamo in dovere di sottolineare ancora una volta come l’emergenza abitativa, per quanto concerne la città di Lecce, abbia bisogno di risposte concrete, oltre che immediate.

Nel tavolo tecnico tenutosi lo scorso 10 settembre, alla presenza dell’Assessore regionale al Diritto allo Studio Sebastiano Leo e del Direttore Generale dell’A.Di.S.U Puglia Gavino Nuzzo, come Studenti Indipendenti – UDU Lecce avevamo avanzato la proposta di un nuovo tavolo tecnico totalmente incentrato sull’identificazione di una struttura dove realizzare un nuovo studentato, avendo preliminarmente ottenuto, per il suddetto tavolo, disponibilità da parte di Università, Comune e Provincia. In quell’occasione l’A.Di.S.U. si era detta disponibile e si era addirittura fatta carico dell’onere di convocare il suddetto incontro, ma a distanza di un mese nulla si è mosso.

“Quando il numero degli idonei non beneficiari di posto alloggio supera il numero degli stessi beneficiari, appena 349, arriva il momento di realizzare che un intervento non è più rinviabile. Da anni ormai si parla della necessità di realizzare un nuovo, grande studentato per la città di Lecce, ma nessun passo avanti è stato fatto in tal senso. Ora che tutti gli Enti coinvolti hanno espresso volontà a collaborare ci aspettiamo di avere finalmente risposte concrete”, dichiara Margherita Nocco, responsabile all’organizzazione UDU Lecce.

“Quella della Casa Pastor Bonus è sicuramente un’ottima soluzione temporanea, che speriamo venga effettivamente realizzata con le adeguate tempistiche, essendo l’anno accademico già avviato, e tenendo anche conto delle criticità da noi sollevate, prima fra tutti quella in merito a trasporti. Non si tratta, tuttavia, di una soluzione sufficiente a far fronte al problema. Noi vogliamo guardare oltre, vogliamo pensare al futuro, vogliamo pensare ad una Lecce che sia in grado di dare un alloggio a tutti quegli studenti che rappresentano un’enorme ricchezza per la Città”, dichiara Lorenzo D’Amico, portavoce UDU Lecce.