Università del Salento, Lecce

Condizione studentesca e affitti: le amministrazioni vengano incontro alle necessità degli studenti!

“Due settimane fa abbiamo richiesto alla regione l’istituzione di una Commissione che potesse agire in tutela delle categorie studentesche in questo momento di grave disagio, non possiamo perciò che dirci soddisfatti della notizia della convocazione, da parte dell’Assessore Regionale per il Diritto allo Studio Sebastiano Leo, di un tavolo tecnico sul tema. Siamo felici di questo segnale di apertura da parte della Regione alle esigenze della comunità studentesca, di cui ci siamo fatti portavoce. Ora più che mai è necessario trattare di Diritto allo Studio ed in generale di condizione studentesca. I giovani e le famiglie hanno assoluto bisogno di sentire il supporto delle istituzioni per affrontare questa pandemia”. Così Lorenzo d’Amico, portavoce di Studenti Indipendenti- UDU Lecce, commenta la notizia, appena giunta, della convocazione di un tavolo tecnico, cui prenderanno parte, oltre che lo stesso assessore Leo, i Rettori delle Università pugliesi, le associazioni studentesche e A.di.S.U. Puglia, l’agenzia regionale per il diritto allo studio universitario.

“E’ necessario muoversi il più in fretta possibile e come UDU Lecce accettiamo con favore l’invito a partecipare a questo tavolo, che riteniamo fondamentale e prioritario. Ad oltre un mese dalla dichiarazione dello stato di emergenza, sono necessari provvedimenti in grado di rassicurare le famiglie e di non farle sentire abbandonate. Abbiamo bisogno di certezze anche dalle amministrazioni locali, ovvero Regione e Università. Per questa ragione da tempo abbiamo intrapreso un proficuo dialogo in materia di diritto allo studio e condizione studentesca con la Regione Puglia, interloquendo costantemente con l’assessore Leo, che ha portato all’erogazione anticipata delle borse di studio dell’a.a. 19/20 entro il 30 Aprile. Da questo tavolo ci aspettiamo ora soprattutto risposte in materia di affitti, per cui abbiamo richiesto l’istituzione di un “fondo straordinario di sostegno al pagamento dei canoni di locazione per studenti universitari” su base regionale, e di un intervento da parte dei Comuni delle Province interessate. Auspichiamo nella medesima sede di ricevere aggiornamenti circa la volontà, manifestata da A.Di.S.U. Puglia, di dare un supporto concreto, attraverso l’istituzione di un bonus di sussidio per l’emergenza agli studenti, in modo tale far fronte a spese inerenti la digitalizzazione, il materiale didattico e il pagamento di parte degli affitti” – continua Margherita Nocco, responsabile all’organizzazione per UDU-Lecce.

L’emergenza epidemologica che stiamo vivendo non si limita ad essere tale, ora come nel prossimo futuro, ma si ripercuote inevitabilmente anche sull’aspetto economico. Assistiamo impotenti ad un blocco totale del paese, senza lavoro e di conseguenza senza profitti, attendendo con ansia una ripresa che sarà sicuramente lenta e graduale. Le famiglie italiane, specie quelle economicamente più deboli, rischiano di rimanere schiacciate da questa crisi, soprattutto quelle con figli universitari a carico, che devono destreggiarsi tra esigenze quotidiane, materiale di studio, contratti di locazione e tassazione studentesca. Gli ultimi decreti governativi non hanno minimamente preso in considerazione i problemi concernenti il mondo universitario, lasciando, a più di un mese dallo scoppio della pandemia, studenti e relative famiglie nell’incertezza più totale e senza alcuna forma di tutela e garanzia.

“Come sindacato studentesco – dichiara sempre Lorenzo d’Amico – ci siamo mobilitati sin dal primo momento nella ricerca di soluzioni idonee su più livelli. Sul piano nazionale, come UDU- Unione degli Universitari abbiamo avanzato sia in CNSU che all’attenzione del Governo, un’importante battaglia sul sostegno degli affitti a studenti universitari, in collaborazione con Cgil e Sunia, chiedendo un intervento considerevole su dotazione del Fondo di sostegno all’affitto, accorpamento col Fondo per le morosità incolpevoli, semplificazione delle procedure di erogazione, rinegoziazione dei canoni e contratti. Sempre a livello nazionale continuiamo ad attendere che il governo prenda una posizione in merito alle richieste su trasporti, per il rimborso o riutilizzo di titoli di viaggio ed abbonamenti inutilizzati, e sui criteri d’accesso alle borse di studio, di primaria importanza per poter garantire nel prossimo anno accademico un equo accesso ai servizi del Diritto allo studio”.