Università del Salento, Lecce

Cittadinanza onoraria a Liliana Segre: anche noi appoggiamo la proposta di CGIL Lecce

Nella giornata di mercoledì 6 novembre la CGIL di Lecce, nelle vesti della segretaria generale territoriale, Valentina Fragassi, ha avviato l’iter per conferire alla senatrice a vita Liliana Segre la cittadinanza onoraria di Lecce.

“Non possiamo che appoggiare appieno la richiesta di conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice Segre avanzata da CGIL Lecce.” – dicono dall’associazione studentesca UDU Lecce. “Crediamo infatti che, oltre ad essere un importante riconoscimento da parte della città di Lecce, esso sia una forte e decisiva risposta agli avvenimenti degli ultimi giorni: a partire dal 30 ottobre, giorno in cui veniva approvata la mozione Segre per istituire una Commissione straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza, nonostante l’astensione di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, gli insulti, le offese e le minacce via web che la senatrice riceve ogni giorno aumentano esponenzialmente. Tra queste compaiono anche le considerazioni del coordinatore della Lega di Lecce, in seguito dimessosi, che definisce la Segre ‘Una vecchietta ben educata reduce da campi di concentramento’, ‘una nonnetta mai eletta’, ‘La Mrs Doublfire di Palazzo Madama’.”

“Non riteniamo necessario commentare queste parole; – concludono dall’associazione – riteniamo invece di fondamentale importanza un atto quale quello del conferimento della cittadinanza onoraria, che abbia come significato, in primis, quello di vicinanza e solidarietà in tutto e per tutto a Liliana Segre, e che possa essere un mezzo affinché simili fatti non si ripetano più e la sua voce possa arrivare alle nuove generazioni, testimoniando ciò che è stato e non deve essere mai più.”.